venerdì 11 dicembre 2009

La storia della Vergine di Guadalupe

La chiesa messicana si stringe intorno alla sua "Vergine Morenita"


La storia delle apparizioni della madonna di Guadalupe iniziò il 9 dicembre 1531, quando un indio di nome Juan Diego, presso la collina del Tepeyac, vicino a Città del Messico, vide una Signora che gli diceva di essere la Vergine Maria.
Ella gli chiese di riferire al vescovo di far costruire in quello stesso luogo una chiesa in suo onore. Juan Diego andò dal vescovo e raccontò quanto aveva visto ma non fu creduto. La Signora si mostrò nuovamente e pregò Juan Diego di tornare il giorno seguente per portargli ancora il suo messaggio.
L'indio obbedì alla Vergine e questa volta il vescovo credette alle sue parole,ma domandò un segno, per dimostrare che lei fosse veramente la Madre di Dio.
Egli tornò dalla signora la quale promise che il giorno dopo gli avrebbe dato il segno richiesto ma Juan Diego non potè tornarvi a causa della malattia di suo zio.
La mattina del 12 dicembre,decise di chiamare un sacerdote perchè amministrasse i sacramenti allo zio ormai moribondo. Cosi, mentre si recava a Città del Messico improvvisamente la Vergine gli si mostrò. L'indio,piuttosto imbarazzato,le spiego quanto gli era accaduto e di cosa aveva bisogno. La vergine lo tranquillizzò assicurandogli che suo zio sarebbe guarito. Il Miracolo avvenne realmente, proprio nella stessa ora in cui egli parlava con la Vergine, che apparve anche allo zio.
Allora la Madonna gli indicò di salire sulla collina dove avrebbe trovato rose fresche di Castiglia. Un segno straordinario,dato il clima rigido dell'inverno. Juan Diego le raccolse, le depose nella sua tilma (mantello) e le portò al vescovo, dinanzi al quale aprì la tilma per mostrargli le rose accorgendosi con grande sorpresa che sul mantello rimase impressa l'immagine della Vergine di Guadalupe, visibile ancora oggi dopo 5 secoli.
Il vescovo collocò l'immagine della Madonna nella Chiesa principale e fece edificare un eremo nel luogo delle apparizioni. In quel posto oggi sorge una stupenda basilica, nella quale viene conservata la Sacra Immagine. Milioni di pellegrini, provenienti dalle Americhe e da ogni parte del mondo, accorrono ogni anno per venerare la Beata Vergine di Guadalupe, che mostra il suo materno amore con miracoli straordinari.
L'immagine che vediamo attualmente e rimasta misteriosamente impressa nella tilma di Juan Diego circa 500 anni orsono.
La tilma si conserva ancora intatta, un evento incredibile, se si considera che il tessuto e completamente vegetale e quindi si sarebbe dovuto degradare velocemente per l'umidita presente, gli insetti e la polvere.
Inoltre per i primi 116 anni la tela è rimasta esposta ai fedeli senza alcuna protezione alle loro mani e al fumo di ceri e candele accesi.
Nel corso dei secoli e di vari studi approfonditi si è potuto affermare che l'immagine e i colori presenti non sembrano assolutamente stati disegnati con nessuna tecnica pittorica o particolare procedimento. L'immagine sembra impressa nel tessuto come su di una lastra fotografica.
Altri studi di oftalmologia hanno rilevato come nelle pupille della Vergine siano presenti le figure umane presenti al momento del miracolo fra cui il vescovo e lo stesso Juan diego.
Le stelle del manto inoltre sembrano corrispondere esattamente alle costellazioni del cielo del solstizio d'inverno delle apparizioni del 1531.
Molte altre cose si potrebbero dire su questa immagine miracolosa che da oltre 500 anni rimane unenigma per la scienza moderna e antica. Essa invece rappresenta un grande miracolo per i cuori dei numerosi pellegrini che ogni anno la visitano.

FONTE: www.vocazione.org

*immagine tratta dal web

Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento